La dottoressa su Metcalfe, un ricercatore associato senior dell’Università di Cambridge, ha scoperto un cambiamento all’interno della cellula immunitaria che potrebbe essere “ripristinato” per tornare alla normale attività. Uno dei principali elementi della ricerca preclinica riguarda il fattore inibitore della leucemia (LIF): una piccola proteina di segnalazione che agisce sulle cellule staminali del corpo. “[LIF] è in grado di attivare queste cellule per sostituire le cellule danneggiate. durante la riparazione dei tessuti, ad esempio la riparazione di un muscolo lacerato “, afferma Metcalfe. “Un altro ruolo importante di LIF è quello di mantenere un sistema nervoso centrale sano, proteggendo i nervi e mantenendo la mielina”.

Storia

Nel 2013, ha fondato la società Cambridge LIF-NanoRx per ulteriori ricerche. La sua idea era quella di guidare una dose misurata di minuscole particelle specializzate sui nervi danneggiati e ripararli. Tuttavia, quando le particelle LIF sono state impiantate come agente terapeutico, ha scoperto che il corpo ha rotto LIF dopo 20 minuti. Essi sono così piccoli che la superficie è molto più grande della massa. Le loro proprietà e dimensioni speciali li rendono particolarmente adatti per erogare terapie all’interno delle cellule.

Nanoparticelle

La dottoressa Metcalfe ha prodotto nanoparticelle utilizzando lo stesso tipo di materiale dei punti di dissoluzione. Li ha combinati con la proteina LIF per prolungare la vita dell’agente riparatore nel corpo – e finora il suo test ha avuto molto successo. LIF non solo ha il tempo di raggiungere le aree danneggiate, ma le nanoparticelle alla fine si dissolvono all’interno del corpo, lasciando solo anidride carbonica e acqua.

Inversione Ciò significa che il trattamento a doppio colpo di Metcalfe può invertire l’autoimmunità mentre ripara il danno che ha causato al cervello di un paziente.
Sebbene la ricerca della Dott.ssa Metcalfe si sia concentrata sulla sclerosi multipla, spera di modificare questi risultati per fare lo stesso con la psoriasi e il diabete – e se può sviluppare la tecnica per attraversare la barriera emato-encefalica, potrebbe anche essere usata per curare la demenza. A seconda dell’interesse delle società farmaceutiche e degli investitori privati ​​nei finanziamenti, i test sull’uomo potrebbero iniziare nel 2020.